Il dilemma della Microsoft, licenza free o licenza no-free per windows 8.1 e windows 9

licenze microsoft

Il dilemma della Microsoft, licenza free o licenza no-free per windows 8.1 e windows 9

Da un po’ di tempo a questa parte, si sta parlando e discutendo delle nuove licenze Microsoft, il prezzo delle licenze al giorno d’oggi, con sistemi operativi gratuiti come Android, il costo di queste licenze inizia a farsi sentire veramente pesante, e soprattutto in periodo di crisi come questo.

Chi acquista un nuovo computer oltre a cercare un prodotto valido, cerca anche un buon rapporto fra la qualità ed il prezzo dell’articolo comprato.

Poco tempo fa, in un post del blog o indicato come costruirsi un computer in casa con i pezzi migliori del mercato ed il presso della licenza faceva salire il prezzo dell’assemblato in modo esorbitante.

Dopo la pubblicazione on-line dei suoi prodotti word, excel, power point che possono essere usati nel cloud computing di Microsoft OneDrive, sembra giunto il momento di se non eliminare del tutto i costi delle licenze, abbassarli notevolmente, si parla di un windows 9 con licenza free, e anche nel campo mobile, la Microsoft, pensa a dispositivi low cost per i suoi dispositivi di punta windows phone.

In questi gironi è trapelata anche un indiscrezione, segnalata da Wzor, famoso leaker di windows, che afferma la presenza di un nuovo sistema chiamato windows 8.1 con Bing,

e considerando che Bing è inserito in windows 8.1, molti stanno supponendo e non a torto che potrebbe essere il nuovo sistema di casa Redmond , per monetizzare , e fare in modo di poter rilasciare le licenze free.

Google insegna in questo, dando grazie al suo sistema di monetizzazione integrato nelle apps , servizi gratuiti.

La dirigenza Microsoft inizia a pensare ad un nuovo modo di commercializzare i propri sistemi e sembra che il fulcro di tutto ciò sarà BING.

Il dilemma della Microsoft, licenza free o licenza no-free per windows 8.1 e windows 9ultima modifica: 2014-03-01T09:25:32+01:00da puma1973a
Reposta per primo quest’articolo

I commenti sono chiusi.